Un grazie di cuore…

Pubblicati i dati definitivi di queste elezioni comunali è necessario partire, non per prassi ma per convinzione, dai ringraziamenti che vanno innanzi tutto all’intera comunità morcianese.
In particolare per l’attenzione prestata ai temi ed alle proposte avanzate in questa campagna elettorale, a volte surreale.
Gli incontri, le relazioni, gli approfondimenti tematici ci hanno portato ad individuare bisogni concreti, da parte delle famiglie, delle imprese, dei singoli. E man mano che trascorrevano i tempi di questa campagna quegli stessi bisogni si sono affinati, dettagliati e sono state condivise le risposte da dare agli stessi affinchè questo paese potesse voltare pagina.
Siamo stati attenti a non deviare dalla linea della proposta resistendo alla volontà di altri di trascinare la discussione sulla chiacchiera e il dileggio.
Le persone hanno fatto proprie le proposte di qualità programmatica presentate da Morciano Viva ed hanno scelto, votandola in maniera netta, una gestione più sobria e partecipata della cosa pubblica morcianese.
Il paese che ci si presenta necessita di collaborazione, di approfondimento nelle decisioni, di partecipazione nelle scelte. Lo abbiamo detto sin dall’inizio: questo non è più il tempo delle divisioni ma del confronto sulle rispettive convinzioni per effettuare le scelte migliori. Noi su questo abbiamo investito e siamo disponibili a farlo partendo dal consiglio comunale che si insedierà a breve.
Le linee del lavoro per la legislatura che va ad aprirsi presentate in campagna elettorale sono già state tracciate ed il programma dei primi 100 giorni da realizzare definito e pubblicato.
Abbiamo la consapevolezza di voler servire questo comune con determinazione e con umiltà. Con la collaborazione di tutti, perchè solo insieme SìAmo Morciano.
Grazie di cuore.
Giorgio Ciotti

Scegli Morciano Viva

C’è una passione che ci unisce: il nostro essere morcianesi, il nostro amore per un paese bello quanto fragile.

Ci sentiamo affezionati a questo luogo che ci ha visto nascere e crescere o che, dal momento in cui abbiamo scelto di viverci, abbiamo imparato ad amare.

È un paese che ci avvolge con la sua storia di riferimento naturale dei servizi e del commercio della Valconca; con la sua gente ospitale, operosa e solidale.

È questo comune sentimento che ci ha spinti in queste settimane ad incontrarci, per capire, per parlare, per disegnare il nostro futuro.
E il piacere di questi incontri ci rispecchia perché Morciano è fatto così: uomini e donne con la voglia di partecipare, di dire la propria opinione, di avanzare la propria proposta.

Abbiamo la consapevolezza di aver creato un gruppo particolarmente rappresentativo ed inclusivo della realtà morcianese.

Quello di oggi non è il tempo di divisioni ma, al contrario, quello in cui serve unire tutte le forze disponibili per tornare ad essere un paese operoso e di qualità, capace di ascoltare tutte le voci, i bisogni dei singoli, delle famiglie, delle associazioni, delle varie attività imprenditoriali, con la volontà di confrontarsi e, soprattutto, in grado di condividere le scelte al fine di ottenere i risultati che ci si propone.

La storia di ciascun componente della lista Morciano Viva, le singole capacità professionali, l’esperienza maturata, unitamente alla volontà di lavorare per il nostro paese, è tale da mettere in condizione la nuova amministrazione comunale di essere immediatamente operativa.

Siamo convinti che ciascuno abbia trovato, dalla lettura del nostro programma, i contenuti per un paese bello da vedere e da vivere con servizi efficienti e solidali.

Per questo sono fiducioso che potrà darci il Suo appoggio perchè solo insieme SìAmo Morciano.

Cordialmente
Giorgio Ciotti

Avanti coi servizi, Morciano è la Valconca

Morciano da sempre è riferimento della intera Valconca per i servizi sia pubblici che privati.

Oggi sono molti i servizi pubblici insediati ma questo non deve essere considerato come un dato definitivo.

Essi vanno difesi dalle ipotesi di accorpamento o trasferimento. E’ la stessa economia di Morciano che ne risentirebbe. Per questo il comune deve impegnarsi nel rafforzamento del suo ruolo di guida nell’ambito della Valconca evitando pericolosi scivolamenti verso ipotesi di trasferimento dei servizi insediati che di tanto in tanto emergono dagli atti dell’Unione della Valconca (l’ultimo dei quali il trasferimento a San Clemente della scuola media). Se queste sono le premesse la fusione dei comuni che viene oggi proposta non appare quindi positiva per il comune di Morciano proprio per la messa in discussione del suo ruolo di centro dei servizi.

In particolare il comune dovrà fare barriera rispetto a qualsiasi ipotesi di ridimensionamento della Casa di Cura “E. Montanari” che invece deve essere messa in condizione di poter accrescere i propri investimenti e i servizi assicurati in convenzione.

Maggio: tempo di tasse

Il comune di Morciano è tra quei comuni della provincia che ha spinto al massimo l’addizionale Irpef, ben lo 0,8%

Oggi frutta al comune di Morciano circa 500.000€

Con una adeguata politica di risparmio si può da subito ridurla di almeno il 25%.

Come? ad esempio tagliando le indennità degli amministratori.

Lettera aperta ai morcianesi

“I tempi cambiano, ma i valori autentici restano.

Se Morciano è sempre stato un paese umano e verosimile, può e deve continuare ad esserlo in futuro (…) possiamo rallegrarci di essere quello che siamo: un paese con buone prospettive e senza velleità; gente che per lo più gioca il suo ruolo paesano senza barare, che sa scontrarsi senza scannarsi e sa essere avversaria sul piano politico e amica su quello umano (…).

Forse un giorno ci accorgeremo che, rimanendo noi stessi, ci siamo realizzati e abbiamo realmente progredito oltre la nostra dimensione individuale”. (Egidio Belisardi)

 

 

Gentilissimi,

c’è una passione che unisce tutti noi: “E nost bel Murcen”. Così hanno definito romanzieri e poeti in tempi recenti Morciano.

Un paese nel quale deve essere bello viverci, venire o ritornare.

Nel quale l’aria che si respira è quella di casa tua, quella che ti dà il benvenuto appena esci sul marciapiede, che ti assicura che fai parte di una comunità inclusiva, dove hai amici e luoghi da vivere insieme. Un paese nel quale puoi trovare servizi efficienti, dove i nostri giovani possono giocare, istruirsi e farsi una famiglia. Dove c’è un popolo che si prende cura di chi ha più bisogno o di chi dalla vita non sempre ha ricevuto il meglio.

Questa è la Morciano in cui siamo cresciuti ed è quella che vorremmo avere anche nel futuro. Non è solo una speranza ma una reale possibilità se solo decidessimo di lavorare insieme in questa direzione.

Ciascuno di noi può collaborare nell’ambito che gli è proprio. Sia esso la scuola, il lavoro, il tempo libero, la famiglia.

E il comune deve fare la propria parte. Come?

Aiutando e sostenendo le attività locali, collaborando con le associazioni, creando servizi scolastici che facciano dei nostri giovani adulti pronti per il mondo, sviluppando la nostra cittadina iniziando dalle manutenzioni ma anche creando nuove opportunità di crescita economica e sviluppo culturale. Stando più vicino a chi ha più bisogno. Senza dimenticare che siamo affacciati su una sponda verde, il Conca, che può essere ulteriormente messa a servizio dell’intera comunità cittadina anche ai fini ricreativi e turistici. 

Certo le difficoltà e gli inciampi non mancano ma l’esperienza e l’amore per la nostra gente e il nostro paese ci assicurano che ciascuno di noi darà il meglio di se per fare di Morciano un paese sempre migliore.

Questi sono i motivi che hanno spinto “Morciano Viva” a mettersi insieme, creando una lista civica di persone accomunate da questa comune passione di “servire” Morciano con competenza e determinazione.

Per garantire questo obiettivo ho messo a disposizione la mia candidatura a Sindaco nella consapevolezza che, con l’aiuto e la collaborazione di ciascuno, questo paese può davvero continuare a crescere rimanendo se stesso.

Ma c’è bisogno di ciascuno di noi, perché solo insieme SìAmo Morciano.